NomeLuca
CognomeMandolesi
Emailmandoluca@gmail.com
Lingue Conosciute
Inglese
Francese

Conoscenze Informatiche
Sistemi Operativi conosciuti
Ottima conoscenza dei operativi Windows e MacOs X

Database
Esperto nella realizzazione di banche dati relazionali e DBMS in FileMaker Pro 10 per la gestione di musei, scavi archeologiche, ricerche archeologiche e altri ambiti di gestione dei beni culturali.
Conoscenza dei database PostgreSQL, Spatialite

Linguaggi programmazione
Linguaggi di scripting conosciuti: PHP (per lo sviluppo WEB), Python (realizzazione applicazioni e interfacce d’uso)

Sistemi cartografici digitali
GIS: Buona conoscenza di QuatumGIS, gvSIG, PostGIS, GRASS, Spatialite

Modellazione 3D
Utilizzo avanzato di google SketchUp e conoscenza base del software Blender

Titoli di Studio e Corsi di Specializzazione
Nel 2005 si è laureato con il voto di 110 su 110 con lode in Scienze dei Beni archeologici con una tesi dal titolo: Progettazione e implementazione di un DBMS relazionale per la gestione e l’analisi di contesti archeologici. Dal deposito alla sintesi storica: il caso della ceramica di Poggio Imperiale a Poggibonsi (Si).


Qualifica
Dal gennaio 2006 è socio della società adArte s.n.c. per la quale sviluppa sistemi di gestione del dato archeologico open source e gestisce progetti di scavo archeologico

Curriculum Accademico
Attività di docenza

Nel 2013 è stato docente con un corso di 64 ore relativo al software Qgis e il plugin pyArchInit per la gestione dei dati archeologici presso il Master Open Téchne - Tecnologie Open Source per i Beni Culturali organizzato dall'Istituto di Formazione e Ricerca della Federazione Italiana Club e Centri UNESCO e il Centro di GeoTecnologie (CGT) dell’Università degli Studi di Siena, in collaborazione con la Fondazione Masaccio.


Attività svolte presso il Dipartimento di Archeologia e Storia delle Arti dell’Università degli Studi di Siena:

Dal 1998 al 2006 ha collaborato come disegnatore dei reperti ceramici dello scavo di Poggio Imperiale a Poggibonsi (SI).
Negli anni 1999-2000 e 2001 è stato responsabile del data-entry delle schede US dello scavo di Poggio Imperiale a Poggibonsi (SI).
Ha curato nell’inverno del 1999 il trattamento al calcolatore della documentazione fotografica all’interno del progetto Poggio Imperiale a Poggibonsi.
Dal 1999 al 2006 é stato responsabile della schedatura informatizzata e della gestione della documentazione grafica dei reperti ceramici dello scavo di Poggio Imperiale a Poggibonsi (SI).
Nel 2000 è stato responsabile del data-entry delle schede US del recupero presso l’ex convento del Carmine (SI).
Nel 2000 é stato responsabile della schedatura informatizzata dei reperti ceramici del recupero presso l’ex convento del Carmine (SI).
Nel 2001 è stato responsabile del data-entry delle schede US dello scavo di Miranduolo (Chiusdino – Siena).
Nel 2001/2002 è stato borsista presso il Dipartimento di Archeologia e Storia delle Arti dell’Università di Siena nell’ambito del progetto “Archeologia dei paesaggi medievali. Città, castelli e chiese nell’antico stato senese e nello stato degli Appiano”.
Nel 2002 è stato responsabile del data-entry delle schede US proveniente dal recupero di una cisterna presso la chiesa di San Cristoforo di Siena.
Ha collaborato alle riprese video e allo studio dei reperti ceramici nell’ambito della realizzazione della mostra “C’era una Volta” allestita presso lo Spedale Santa Maria della Scala (Siena) tra i mesi di giugno e settembre 2002.
Ha collaborato alla realizzazione di un primo DataBase per la schedatura dei dati storici e archeologici urbani nell’ambito della costruzione della piattaforma GIS di Siena.
Nell’ambito dell’implementazione del DBMS “Carta Archeologica” ha collaborato alla realizzazione delle schede per la catastazione dei dati provenienti da contesti stratigrafici. Ha realizzato lo schedario “Archeometria Manufatti Metallici” per la schedatura dei dati provenienti dalle analisi archeometriche sui reperti metallici.
Ha realizzato lo schedario “Manufatti Funerari” per la schedatura delle lapidi e dei monumenti funerari senesi in collaborazione con la sezione di storia dell’arte del Dipartimento di Archeologia e Storia delle Arti dell’Università di Siena.
Nel 2002 è stato impegnato nella correzione dei dati e della struttura del DataBase “Carta Archeologica” nell’ambito della revisione generale dell’archivio dopo il primo anno e mezzo di utilizzo.
Nel 2002 ha realizzato il DataBase “Spazio Urbano” per la gestione e tutela dei dati provenienti da contesti urbani.
Tra il 2002 e il 2003 ha curato la revisione dei dati dell’Area 9 di scavo del sito Poggio Imperiale di Poggibonsi, volte allo studio dell’area in previsione dell’apertura di un Parco archeologico presso Poggibonsi
Ha collaborato alla stesura di alcuni articoli del volume “Archeologia dei Paesaggi Medievali, Relazione Progetto (2000 – 2004)”, a cura dei Proff. Riccardo Francovich e Marco Valenti, pubblicato nel 2005 e in particolare gli articoli sugli interventi archeologici sotto il duomo di Siena e sui Database Management applicato all’archeologia nell’ambito del progetto “Paesaggi Medievali”.
Ha scritto per il volume “Archeologia dei Paesaggi Medievali, Relazione Progetto (2000 – 2004)”, a cura dei Proff. Riccardo Francovich e Marco Valenti, pubblicato nel 2005 gli articoli relativi al chiostro di San Cristoforo di Siena (p.51) e allo scavo di Poggio Imperiale (Siena) 2004 (p.76). III – Attività archeologiche svolte sul campo con il Dipartimento di Archeologia e Storia delle Arti dell’Università degli Studi di Siena
Ha partecipato alla campagna di scavo sul sito di Poggio Imperiale a Poggibonsi (SI) negli anni 1999-2000-2001, organizzate dall’Insegnamento di Archeologia Medievale del Dipartimento di Archeologia e Storia delle Arti di Siena.
Negli anni 1999 e 2001 è stato vice-responsabile di area presso lo scavo di Poggio Imperiale a Poggibonsi (SI).
Nel 2000 è stato responsabile dell’Ambiente 2 di scavo nell’ambito del recupero di materiali ceramici presso l’ex complesso conventuale del Carmine (SI).
Nell’anno 2000/2001 ha partecipato al controllo degli scarichi prodotti dallo svuotamento di alcuni ambienti sottostanti al Duomo di Siena. Ha partecipato alla campagna di scavo sul sito di Miranduolo a Chiusdino (SI) nei mesi di agosto e settembre 2001, organizzate dall’Insegnamento di Archeologia Medievale del Dipartimento di Archeologia e Storia delle Arti di Siena, nell’ambito del corso di formazione Archeoval.
Nell’anno 2001 ha eseguito il recupero di un’inumazione presso la chiesa di Santo Stefano (SI).
Tra i mesi di gennaio e febbraio del 2002 ha partecipato allo svuotamento di una cisterna presso la chiesa di San Cristoforo di Siena.
Nei mesi di febbraio e marzo del 2002 è stato responsabile dello scavo e del controllo di alcune trincee eseguite all’interno di un ambiente sottostante il Duomo di Siena.
Nel mese di aprile del 2002 ha controllato le operazioni di ripulitura e messa in luce di alcune strutture presso il cassero della fortezza di Poggibonsi (SI).
Tra il 10 maggio e il 10 giugno 2002 è stato responsabile dello scavo dell’Ambiente 1 e dell’Ambiente 18 nell’ambito del ripristino di alcuni ambienti sottostanti il Duomo di Siena.
Tra dicembre e novembre 2002 ha partecipato allo scavo di un butto di cantiere trecentesco presso alcuni ambienti sottostanti il Duomo di Siena.
Il 7 maggio 2003 ha eseguito il recupero d’emergenza di alcune forme ceramiche all’interno del riempimento di una volta presso l’ex chiesa di Sant’Antimo ai Canali, Piombino (LI).
Tra il 2003 e il 2005 è stato Responsabile del Campo Archeologico del Parco di Poggio Imperiale a Poggibonsi.
Tra novembre 2004 e febbraio 2005 è stato responsabile dello scavo del Castello di Staggia Senese (Poggibonsi, Siena).


Partecipazioni ad attività seminariali presso il Dipartimento di Archeologia e Storia delle Arti dell’Università degli Studi di Siena:

Ha partecipato ai seminari di aereofotointerpretazione tenute da M. Cosci durante l’anno accademico 1998-1999.
Ha partecipato ai seminari di ceramologia, intitolati “La ceramica Toscana nel Medioevo”, tenute dalla Dott.ssa A. Molinari durante l’anno accademico 1998-1999 e 1999-2000
Ha partecipato ai seminari tenuti durante l’anno accademico 1999-2000 dal Prof. Riccardo Francovich e intitolati “La formazione del villaggio altomedievale in Toscana”.
Ha partecipato sotto la direzione della Dott.ssa L.Dallai durante l’anno accademico 1999-2000 al seminario sul territorio di Populonia, nell’ambito del quale ha curato il data-entry delle schede UT e lo studio del territorio tramite applicazione GIS.
Ha partecipato alla schedatura della ceramica dello scavo dello Spedale del Santa Maria della Scala presso Siena.


Partecipazioni a convegni:

Ha partecipato al convegno “Antropologia nel medioevo: biologia e cultura” tenuto a Sestino (AR) il 22-23 ottobre 1999.
Ha partecipato come supporto tecnico al ciclo di lezioni tenute dal Prof. Riccardo Francovich presso l’Università degli Studi della Repubblica di San Marino.
Ha collaborato alla realizzazione del workshop dal titolo “Soluzioni GIS nell’informatizzazione dello scavo archeologico” (9 giugno 2001) tenutosi presso il Dipartimento di archeologia e storia delle arti dell’Università degli Studi di Siena.
Ha partecipato alla Tavola Rotonda sull’Archeologia Riminese tenutasi l’8 maggio 2003 presso la Sala degli Archi del Palazzo dell’Arengo di Rimini.
Ha partecipato al III Convegno di OpenSource e Archeologia nell’aprile 2009 presso il CNR di Roma con un intervento dal titolo: pyArchInit: python, postgres e Qgis per l’archeologia. L’articolo relativo sarà pubblicato sulla rivista Archeologia e Calcolatori del 2009.
Ha partecipato nel 2011 in qualità di relatore con il progetto pyArchInital workshop GNewArchaeology – Free/Libre Software, Open Data and Open Knowledge inArchaeology presso l'Università di Ferrara
Ha partecipato al VII Convegno di OpenSource e Archeologia nel giugno 2012 presso il Palazzo del Teatro Massimo di Roma con un intervento dal titolo: pyArchInit: python, postgres e Qgis per l’archeologia. Nuove prospettive. L’articolo relativo sarà pubblicato sulla rivista Archeologia e Calcolatori del 2012 in corso di stampa.

Curriculum Professionale
Nel 1995 ha collaborato alla stesura dei testi per pagine web relative alla storia di Rimini

Iscritto dal 1997 al 2005 alla facoltà di Lettere e Filosofia, corso di laurea in Lettere Moderne, indirizzo Archeologico Medievale presso l’Università degli Studi di Siena.

Dal 1996 è iscritto all’A.R.R.S.A. (Associazione Riminese Ricerca Storico Archeologica).

Tra il 1998 e il 2006 ha svolto attività a tempo pieno nel Laboratorio di Cartografia Archeologica e Informatica applicata all’Archeologia attivo presso il Dipartimento di Archeologia e Storia delle Arti dell’Università di Siena.

Tra il 2000 e il 2006 è stato borsista presso il Dipartimento di Archeologia e Storia delle Arti dell’Università di Siena nell’ambito del progetto “Archeologia dei paesaggi medievali. Città, castelli e chiese nell’antico stato senese e nello stato degli Appiano”.

Nel 2001 ha partecipato al corso di formazione “Archeoval” per la catastazione multimediale del dato archeologico. Collabora come borsista nell’ambito del progetto “Archeologia dei paesaggi medievali. Città, castelli e chiese nell’antico stato senese e nello stato degli Appiano” alla realizzazione del DBMS “CARTA ARCHEOLOGICA”, ed in particolare all’implementazione delle schede per la catastazione dei dati provenienti da contesti stratigrafici e alla creazione di controlli automatizzati della consistenza del dato.

Dal dicembre 2002 al 2006 è stato socio della cooperativa archeologica “Archeoval”.

Dal Settembre 2003 collabora alla realizzazione informatizzata della Carta delle Potenzialità Archeologiche del Comune di Rimini, per la quale ha costruito il DBMS relazionale per la gestione, analisi e pubblicazione su web delle potenzialità archeologiche.

Tra il 2003 e il 2005 é stato il responsabile dell’organizzazione del cantiere degli scavi archeologici del sito di Poggio Imperiale a Poggibonsi (Si).

Ha progettato e realizzato in collaborazione con OSFIN Rimini e A.R.R.S.A. il corso di formazione professionale Archè Multimedia, Catastazione, editing e turismo applicato ai beni culturali, progetto approvato dalla Regione Emilia-Romagna – Rif. P.A. 2004-0726/RER – con delibera di G. R. n. 406 del 16/02/2005 Ob. 3 E., corso gratuito di 650 ore di cui 300 di stage.

Sta realizzando un sito sulle potenzialità dell’uso del linguaggio di programmazione Python in archeologia: https://sites.google.com/site/pyarchinit/

Nel 2007 ha collaborato con la cooperativa archeologica “La Fenice” di Bologna in qualità di archeologo medievista sul campo.

Attualmente (2013) si sta occupando della realizzazione di un GIS di scavo opensource per la gestione dei cantieri archeologici, dirige lo scavo di palazzo Ghetti (Rimini) e collabora a vari progetti con la società adArte di Luca Mandolesi & C. snc.


Principali Attività Svolte
Progetti Open Source

Dal 2005 è responsbile della progettazione e sviluppo di un plugin Free Open Source per la gestione dei dati archeologici pyaArchInit - https://sites.google.com/site/pyarchinit/


Attività con la cooperativa archeologica Archeoval:

Dal 2002 fa parte della Cooperativa Archeologica Archeoval in qualità di consigliere.
Dal tra il settembre 2003 e l'ottobre 2006 ha lavorato presso il Centro di Documentazione del Parco Archeologico di Poggio Imperiale a Poggibonsi (SI).
Dal Settembre 2003 collabora alla realizzazione informatizzata della Carta delle Potenzialità Archeologiche del Comune di Rimini.
Ha progettato e realizzato in collaborazione con OSFIN Rimini e A.R.R.S.A. il corso di formazione professionale Archè Multimedia, Catastazione, editing e turismo applicato ai beni culturali, progetto approvato dalla Regione Emilia-Romagna - Rif. P.A. 2004-0726/RER - con delibera di G. R. n. 406 del 16/02/2005 Ob. 3 E., corso gratuito di 650 ore di cui 300 di stage.


Attività archeologiche e di ricerca storica con l’A.R.R.S.A. (Associazione Riminese per la Ricerca Storico Archeologica):

Ha partecipato nell’anno 1996 allo scavo d’emergenza e al recupero di una fornace romana di età repubblicana presso la località Covignano di Rimini.
Ha collaborato dal 1997 al 1999 allo scavo dell’ex complesso conventuale dell’ordine Girolamino presso la località Paradiso di Rimini.
Ha eseguito gli studi relativi al complesso conventuale presso vari archivi quali: l’Archivio di Stato di Rimini, l’Archivio di Stato di Ravenna, l’Archivio di Stato di Venezia, l’Archivio di Stato di Forlì, l’Archivio Centrale di Stato di Roma, l’Archivio Segreto Vaticano.
Ha collaborato dal 1998 al 1999 allo scavo e allo studio degli elevati del castello di Coriano di Rimini.
Ha collaborato alla progettazione dell’intervento di scavo e della valorizzazione della pieve di San Lorenzo in Monte presso la località di Covignano di Rimini.
Ha diretto nel mese di luglio dell’anno 2000 i saggi di scavo presso la suddetta pieve.


Attività museali

Nel 2002 ha collaborato all'allestimento della mostra sul recupero di reperti ceramici medievali del convento del Carmine presso Siena.
Nel 2003 ha collaborato all'allestimento con l'Università di Siena del centro di Documentazione dello scavo archeologico di Poggio Imperiale a Poggibonsi(Siena).
Nel 2007 ha realizzato un video proiettato sui muri della pieve di San Lorenzo in Monte per illustrare lo scavo archeologico.
Nel 2013 ha realizzato un plastico ricostruttivo del quartiere medievale dello scavo archeologico di Palazzo Ghetti – Rimini
Nel 2013 ha collaborato alla realizzazione delle ricostruzioni grafiche per l'allestimento museale presso la sede della Banca Malatestiana di Rimini – presso Palazzo Ghetti: Dalle Origini del borgo a Palazzo Ghetti – 25 secoli di storia.


Attività svolte con la società ad Adarte di Luca Mandolesi & C. s.n.c. di Rimini

Nel corso del 2006 ha partecipato con la suddetta società al concorso NuoveIdeeNuoveImprese, presentando la realizzazione di un videogioco didattico per bambini, segnalato dalla giuria come progetto meritevole.
Nell'agosto 2006 ha realizzato per il comune di Saludecio (Rn) due saggi preventivi a scopo conoscitivo del deposito archeologico prima della ristrutturazione della viabilità principale.
Tra il 2006 e il 2007 ha collaborato al rilievo planimetrico e fotografico di alcuni ipogei artificiali del comune di Saludecio (Rn).
Ha collaborato alla stesura della rivista Link per la parte "Saperi e Sapori" con una proprio rubrica intitolata "V'in'castro (di tutto), castelli vini e quant'altro a portata di riviera"
Ha diretto tra ottobre e dicembre 2007 lo scavo del Supercinema di Rimini.
Ha coordinato nel 2009 la realizzazione della Carta delle Potenzialità Archeologiche del comune di Santarcangelo di Romagna e in particolare si occupa della gestione del DBMS relazionale e della realizzazione della piattaforma GIS.
E' stato responsabile dell'intervento di scavo presso l'area del ponte di Tiberio di Rimini e della documentazione digitale.
Nel 2008-2009 ha eseguito le elaborazioni topografiche tramite GIS per il calcolo del valore dei terreni in occasione della realizzazione dell’Autostrada Pedemontana Lombarda per conto della società CTE di Rimini.
Nell’ottobre 2009 ha coordinato la ricognizione di superficie per la società Autostrade per l’Italia e la realizzazione della piattaforma GIS delle emergenze.
Ha realizzato nel 2008 la georeferenziazione del catasto Calindri (1700) per conto del SITUA della provincia di Rimini e per l’Archivio di Stato di Rimini.
E’ stato responsabile nel 2010 del cantiere archeologico di Palazzo Ghetti Rimini e della realizzazione della piattaforma GIS di scavo.
E' stato responsabile tra il 2011 e il 2012 del cantiere archeologico di Villa Maria – Casa di Cura di Rimini.
E’ stato responsabile nel 2012 del cantiere archeologico di via Ortaggi Rimini e della realizzazione della piattaforma GIS di scavo.
Nel 2013 ha partecipato alla relizzazione di un allestimento museale presso la sede della Banca Malatestiana di Rimini – presso Palazzo Ghetti: Dalle Origini del borgo a Palazzo Ghetti – 25 secoli di storia.

Pubblicazioni
Ha collaborato alla stesura della parte storica per la pubblicazione dello scavo dell’ex complesso conventuale dell’ordine Girolamino presso la località Paradiso di Rimini dal titolo “Alle Pendici del Paradiso”.

Ha collaborato alla stesura dell’articolo riguardante lo scavo dell’ex complesso conventuale dell’ordine Girolamino presso la località Paradiso di Rimini, pubblicato sul bollettino della Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Emilia-Romagna 1998 (II/2).

Ha pubblicato sulla rivista “Penelope” un articolo sull’ex-chiesa abaziale di Santa Maria Annunziata Nuova di Scolca, dal titolo “Contributo all’architettura ecclesiastica riminese. I resti di una facciata nel campanile della chiesa di San Fortunato a Covignano (RN)”.

Ha partecipato alla stesura del capitolo sulla ceramica per la pubblicazione scientifica del volume sullo scavo archeologico Poggio Imperiale a Poggibonsi, Siena.

Ha scritto nel 2009 l’articolo relativo all’informatizzazione del catasto Calindri (1700) pubblicato negli atti stesi in occasione del convegno organizzato dalla provincia di Rimini dal titolo “Dalla centuria romana al WebGis: l’antico catasto Calindri”.

Ha scritto l'articolo pyArchInit: python, postgres e Qgis per l’archeologia pubblicato sulla rivista Archeologia e Calcolatori del 2009.

Ha scritto l'articolo pyArchInit: python, postgres e Qgis per l’archeologia. Nuove prospettive. L’articolo relativo sarà pubblicato sulla rivista Archeologia e Calcolatori del 2012 in corso di stampa.



TORNA