Lettera del Prof Carmignani agli Studenti

Cara studentessa e caro studente,ti scrivo per inviarti a nome di tutto il CGT i migliori auguri per il nuovo anno accademico che sta per iniziare. Colgo l’occasione anche per informarti ufficialmente sullo ‘stato di salute’ del CGT e fare chiarezza in merito agli ultimi avvenimenti riportati dalla stampa.Come noto una recente normativa di legge ha fissato un numero minimo di 12 docenti universitari di ruolo per attivare una laurea di primo livello e 8 docenti per una laurea specialistica. Questa legge ha penalizzato l’impostazione del CGT che ha sempre privilegiato i rapporti con il mondo delle imprese, valorizzando la docenza proveniente dal mondo del lavoro e delle professioni. Abbiamo avuto sempre la convinzione che questa impostazione contribuisse ad una preparazione più moderna ed idonea all’inserimento lavorativo dei nostri laureati. É ben noto che molte realtà universitarie europee e americane condividono quest’approccio formativo.Personalmente ritengo che questa legge penalizzerà tutti i rari tentativi italiani di creare osmosi tra il mondo del lavoro e l’Università.In ogni caso le leggi possono essere criticate, ma vanno applicate: nonostante un numero di iscritti costantemente in crescita e provenienti da tutte le regioni italiane, come mostrato dalle statistiche allegate, siamo stati costretti a chiudere il Corso di Laurea in GeoTecnologie.Questo significa che nell’A.A. 2008-2009 non verranno fatte nuove immatricolazioni e saranno attivate le lezioni solo del II e III anno. Nell’A.A. 2009-2010 le attività didattiche saranno limitate al III anno.Mi sento tuttavia di rassicurare tutti gli studenti del Corso di GeoTecnologie che intendono portare a termine i loro studi: tutti potranno seguire i corsi previsti dal loro piano di studi e sostenere gli esami negli appelli d’esame. Gli studenti del Corso di Laurea in GeoTecnologie non avranno alcun danno o ritardo derivante dalla chiusura del corso di laurea e potranno laurearsi con i loro tempi (che tutti ci auguriamo essere brevi!).Per quanto riguarda il Corso di Laurea Specialistica in Geologia Applicata (LSGA) è stata proposta una riforma secondo quanto prevede la legge: essa prenderà il nome di Laurea Magistrale in Geologia Applicata e GeoTecnologie (LMGAGT) e propone sostanzialmente un percorso formativo uguale a quello dell’attuale LSGA. Per quanto riguarda gli studenti già iscritti alla LSGA (o che si iscriveranno quest’anno) non ci saranno particolari novità: essi si laureeranno con il piano di studi che hanno scelto o potranno scegliere (a partire dall’A.A. 2009-2010) di passare al nuovo ordinamento, che comunque sarà sostanzialmente identico al precedente. In ogni caso la ‘rotta’ del CGT non cambia: siamo tutti convinti nel voler formare giovani capaci di inserirsi rapidamente nelle attività professionali e di ricerca applicata in campo nazionale ed internazionale. Per quest’anno abbiamo messo in cantiere la più imponente offerta formativa degli ultimi anni: potrete accedere (gratuitamente) a 60 Short Course e a 29 Professionale Course, che stanno già riscuotendo grande successo di iscritti in diversi settori professionali non solo legati alla geologia, ma anche all’ingegneria ed all’archeologia. Per avere una visione d’insieme dell’offerta formativa del CGT ti invito a scaricare la brochure o prenderne una copia cartacea al CGT.Nonostante le ‘onde’ della crisi nazionale ed internazionale, il CGT ‘naviga’ con convinzione verso nuovi ambiziosi orizzonti, puntando ancora una volta sui giovani: solo quest’anno abbiamo attivato altre nove borse di dottorato e post laurea! Come avrete notato, inoltre, abbiamo potenziato l’attrezzatura di numerosi laboratori: il Laboratorio di Geotecnica ha quasi duplicato la sua estensione dotandosi di nuove strumentazioni, il settore della geomatica si è arricchito di un laser scanner e di un radiometro, mentre le attrezzature per misure geofisiche, idrogeologiche e geochimiche sono in continuo aumento.Il naturale ‘porto’ a cui dovrà approdare il CGT nei prossimi anni sarà l’Europa ed il Mondo intero: stiamo incentivando al massimo le relazioni internazionali inviando nel mondo i nostri studenti, dottorandi e docenti. Abbiamo rapporti consolidati in Olanda, Vietnam, Tanzania, Polonia, Australia, Brasile e Stati Uniti: non ti nascondiamo il nostro entusiasmo nel ‘navigare questi mari’ e ti incentiviamo a seguirci, magari con Borse Erasmus o Erasmus placement. Quello che più ci incoraggia è vedere gli studenti che hanno terminato i percorsi formativi del CGT trovare lavoro presso strutture pubbliche e private in Italia ed all’estero ed essere valorizzati per la loro preparazione.Colgo l’occasione di questa lettera per ringraziare tutti gli studenti che in questi anni hanno contribuito con il loro impegno a quotidiano e silenzioso a rendere il CGT una struttura bella ed ospitale. Un ringraziamento particolare a coloro che hanno aderito al progetto “Job for Home”: il buon funzionamento di una struttura complessa come il CGT dipende anche (e soprattutto) da queste assunzioni di responsabilità civile. Tutto questo, purtroppo, non trova spazio sui giornali.Vi rinnovo i miei migliori auguri di buon lavoro per l’anno accademico che sta per iniziare.Il Presidente del CGT





(Maria Cristina Salvi - 09:27 15-6-2009)



TORNA