Laboratorio di Geofisica e Geofisica Applicata : Ricerca

Il laboratorio, per fini didattici e di ricerca, ha partecipato a progetti nazionali ed internazionali nei diversi settori della Geofisica Applicata fornendo la possibilità ai ricercatori ed aigli studenti di ampliare le proprie conoscenze scientifiche e familiarizzare con strumentazioni all'avanguardia.

 


Principali progetti in ITALIA

Il Laboratorio di Geofisica del CGT, oltre a sviluppare progetti di ricerca con altre università, ha attivato collaborazioni con enti pubblici e privati per lo sviluppo di progetti di geofisica applicata. Grazie a stage formativi questi contatti con il mondo professionale hanno permesso a molti studenti, al termine del loro percorso di studi, di avere un link diretto con il mondo lavorativo.

Le principali attività svolte sul territorio italiano nel corso degli anni dal Laboratorio di Geofisica del CGT sono le seguenti:

  • Indagini geoelettriche nei pressi della frana di Santa Brigida (Firenze): l'indagine, eseguita con il georesistivimetro OhmMapper, ha lo scopo di individuare il bedrock della frana nei pressi della località di Santa Brigida.
  • Studio della fratturazione del granito in località Monti (Sassari): l'indagine, eseguita con il georesistivimetro OhmMapper, mira alla ricerca di fratture superficiali nella formazione granitica locale.
  • Indagini geoelettriche multitemporali nei pressi del complesso Canopoleno (Sassari): le misure di resistività, realizzate con il georesistivimetro OhmMapper, hanno l'obiettivo di evidenziare la presenza di livelli saturi superficiali ed il loro comportamento in relazione alle variazioni stagionali.
  • Indagini elettriche finalizzate alla ricostruzione 3D della paleofrana di Aulla attraverso l’impiego di georesistivimetri ad accoppiamento capacitivo e ad accoppiamento galvanico - Comune di Podenzana - Aulla (MS).
  • Indagini geoelettriche nei pressi del Santuario della Verna (Chiusi della Verna - Arezzo): l'indagine, svolta con il georesistivimetro OhmMapper e con il georesistivimetro Terrameter, mira ad individuare la presenza di blocchi rocciosi isolati da sistemi fessurativi e la morfologia delle principali strutture calcarenitiche.
  • Indagini geoelettriche nell’area della Nurra (SS), prospezioni di argille in sistemi alluvionali.
  • Progetto in collaborazione con la Regione Toscana per l'individuazione di zone interessate da manifestazioni geotermiche a bassa e media entalpia in alcune aree campione della Toscana.
  • Servizio di Web Gis per impianti a sonde geotermiche installati in Regione Toscana

Nell’ambito della    convenzione con la  Regione Toscana è stato    realizzato il  primo servizio Web Gis, sicuramente  uno  strumento innovativo ed unico a  livello nazionale.  Il servizio è  consultabile direttamente on-line  cliccando qui. Attraverso questo servizio è possibile   consultare e conoscere tutti gli impianti   installati nel territorio toscano. È possibile rapportare l’ubicazione con  le   informazioni relative alle  caratteristiche   fisiche e morfologiche, è possibile   confrontare la posizione dei sistemi   installati   e le informazioni geologiche a   diversa scala, è possibile infine visualizzare   i   dati tecnici e le informazioni progettuali   degli impianti.

 

  • Indagini geoelettriche presso ex sito industriale contaminato (Milano) - (per ragioni di riservatezza non possiamo allegare il file pdf relativo a questa indagine): le indagini geoelettriche sono state realizzate utilizzando il georesistivimetro Terrameter e il georesistivimetro OhmMapper al fine di ottenere informazioni utili nell'ambito dell'analisi del rischio del sito indagato.
  • Indagini geoelettriche finalizzate allo studio del bacino del lago di Baratz (SS).
  • Calibrazione del metodo geoelettrico applicato alla determinazione della genesi di rocce zeolitizzate - Comuni di Mores e Bono (SS).
  • Indagini geoelettriche per l'individuazione di depositi bentonitici - Sardegna settentrinale - Trinità d'Agultu (SS).
  • Indagini geoelettriche integrative finalizzate alla localizzazione della sorgente della contaminazione nell’ambito della convenzione di studio per il disinquinamento delle acque sotterranee del sito industriale di Pianvallico (Comune di Scarperia e San Piero a Sieve - Firenze) finalizzata al progetto preliminare di bonifica.
  • Regione Lombardia - analisi tecnico-scientifica per la valutazione del rischio ambientale connesso all’applicazione della geotermia a bassa e bassissima entalpia mediante pompe di calore.
  • Regione Emilia-Romagna - convenzione per la realizzazione di un software per l’analisi e l’elaborazione di parametri geologici, idrogeologici e geotecnici funzionali alla caratterizzazione degli impianti di pompe di calore geotermiche in emilia romagna.
  • Integrazione di metodi sismici (onde P ed S) e metodi geoelettrici per lo studio di stabilità del versante in località Toiano, comune di Palaia (PI).
  • Progetto di misurazione della Radioattività Naturale realizzato in collaborazione con la Regione Toscana e l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare: il progetto sperimentale mira a combinare misure in situ impiegando contatori Geiger con misure più accurate (eseguite in laboratorio su campioni prelevati) e misure più speditive realizzate da velivoli attrezzati con rivelatori NaI di grandi dimensioni.
  • Per le indagini realizzate in contesti archeologici dall'eqipe del Laboratorio di Geofisica del CGT si rimanda alla Sezione di Archeologia.
 
 
Principali progetti nel MONDO

In ambito internazionale il Laboratorio di Geofisica del CGT ha sviluppato una serie di collaborazioni e progetti con Organizzazioni Non Governative (ONG) italiane e straniere, per indagini mirate allo studio della risorsa idrica in Paesi in Via di Sviluppo. I rapporti con queste organizzazioni sono stati favoriti dall'esperienza in campo internazionale del CGT, che da lungo tempo svolge progetti in paesi terzi.

Recentemente, il laboratorio di Geofisica del CGT ha svolto i seguenti studi:

  • Geoelectrical investigations in Itigi, Malongwe, Mitundu and Kintinku - Tanzania: indagini geoelettriche realizzate in Tanzania e volte alla ricerca della risorsa idrica nel sottosuolo per la realizzazione di pozzi, in accordo con C.PP.S. Water Project. Le misure sono state effettuate utilizzando il georesistivimetro monocanale ad accoppiamento galvanico ABEM Terrameter SAS 1000 LUND Imaging System.

  • Indagini geoelettriche – Provincia di Iringa - Tanzania: indagini  geoelettriche svolte in Tanzania e mirate alla ricerca della risorsa idrica per la progettazione di un acquedotto, in accordo con MLFM (Movimento della Lotta contro la Fame nel Mondo). I rilievi sono stati realizzati utilizzando il georesistivimetro monocanale ad accoppiamento galvanico ABEM Terrameter SAS 1000 LUND Imaging System.
  • Indagini geofisiche per lo studio del sito romano di Burnum, Croazia:indagini geoelettriche a scopo didattico e di ricerca presso il sito romano di Burnum (Drniš, Croazia), in collaborazione con il Dipartimento di Archeologia dell'Università di Bologna. In questa sede è stato utilizzato il georesistivimetro OhmMapper (Geometrics) ad accoppiamento capacitivo.

 

Per lo sviluppo di progetti interdisciplinari, il Laboratorio di Geofisica del CGT collabora con tutti gli altri Laboratori del Centro di GeoTecnologie.

Per collaborare con noi, clicca qui.

^^^  torna su  ^^^

 

Elenco generale dei progetti

Progetti