2015

Questo anno si apre con grandi novità, quali:
 
 
- la formalizzazione della Rete di Imprese CGT GROUP;
- un'ulteriore crescita delle attività professionali all’estero e delle attività di ricerca con l’acquisizione di un prestigioso Progetto Horizon 2020;
- l'innovazione e il rafforzamento dell’offerta formativa con la istituzione di una linea formativa on line.
 
 
 
 
 

 
Il 6 luglio 2015nasce una nuova societàSpin-off del CGT:GEO RE-source s.r.l.. La neonata società è dedicata al settore delle energie rinnovabili. Lo staff, costituito da tre giovani ragazze, offriràservizi di consulenza energetica e soluzioni innovative per l'ottimizzazione dei consumi energetici.
 
 
 
Le società Spin-off del CGT si consolidano con la costituzione il 13 luglio 2015 presso la Camera di Commercio di Arezzo, in base alla L. 30/07/2010, n. 122, della Rete di Imprese “CGT GROUP”. La rete è costituita tra tutte le società spin off  del CGT, i loro consorzi e alcune importanti società che da molto tempo operano nel settore delle Scienze della Terra:
CGT SpinOff s.r.l. (Società spin off dell’Università di Siena);
Consorzio GEO Sinergy  (Consorzio partecipato da spin off del CGT);
Consorzio ISGE (Consorzio partecipato da spin off del CGT);
Form&It (Società individuale nel settore della formazione);
Geo-Resource s.r.l. (Società spin off dell’Università di Siena);
GeoExplorer s.r.l. (Società start-up accademica dell’Università di Siena con la qualifica di impresa sociale);
Geomap s.r.l. (La più antica società italiana di fotogeologia e telerilevamento)
Geotecnology& Green Energy Maroc s.r.l. (Società marocchina nel settore delle energie rinnovabili).
Litografia Artistica Cartografica (LAC) s.r.l. (La più antica società italiana per la stampa di cartografia geologica e geotematica);
PetroLogicSynergy (PLS) s.r.l. (Società spin off dell’Università di Siena)
SociétéMarocaine de Géo-Technologies (SMG) s.r.l. (Società spin off dell’Université Cadi Ayyad di Marrakech e dell’Università di Siena).
La Rete di Imprese, che avrà sede presso l’Incubatore Regionale di Imprese di Cavriglia,  costituisce oggi la maggiore concentrazione di società italiane che opera nel settore delle Applicazioni della Geologia e lo Studio del Territorio, dell’Ambiente e delle sue risorse. Il coordinamento delle attività svolte dalle Imprese e dai Consorzi e le relazioni stabilite con strutture universitarie e enti di ricerca riuniscono nella Rete risorse capaci di svolgere attività complesse ed interdisciplinari in Italia e nel mondo, in un settore con importanti prospettive di sviluppo, in cui, specialmente a livello internazionale, l’Italia era poco presente.
Anche aderendo alla sollecitazione del Rettore è stato istituito il “Contamination Lab del CGT” ("Bando Start Up" MIUR - Decreto Direttoriale del 13.03.2013 n. 436). Il CGT - CLab promuove la cultura dell’imprenditorialità, dell’innovazione e nuovi modelli di apprendimento; è un luogo dove le idee e le opportunità si incontrano con la creatività e progetti imprenditoriali di studenti dei Master del CGT.
 
A metà tra un laboratorio universitario e un incubatore d’impresa. Il  CGT - CLab deve aiutare i masteristidel CGT a sviluppare nuove idee progettuali al fine di favorire la nascita di nuove imprese già durante il percorso di studi universitari.
Le attività di Consulenza scientifica si sono avvalse dell’attività a pieno regime di tutti e dieci i laboratori del CGT che lavorano in stretta collaborazione con gli Spin Off potendo così disporre di importanti attrezzature in tutti i settori di attività.
 
Nel 2015i conclude il Progetto di Ricerca Por Creo SAMORAD sviluppato in collaborazione con le società CAEN s.p.a, Desys s.r.l. e Hydeas.p.a.. L’obiettivo del progetto era la realizzazione di uno strumento per la rivelazione di radioattività ambientale, attraverso misure da elicottero (AGRS Airbone Gamma RaySpectroscopy), che consentisse di produrre mappe radiometriche del territorio. Il Progetto di ricerca si è concretizzato col brevetto, a nome di ricercatori dell’INFN dei Laboratori di Legnaro e del CGT: “GammaStream”, che è stato definitivamente depositato. Si tratta di un sistema compatto e portatile per la spettroscopia gamma outdoor, ora ingegnerizzato e commercializzato dalla Società CAEN e destinato, tra l’altro, a rivoluzionare i sistemi di prospezione mineraria dei radioattivi.
Una interessante ricerca con importanti collaborazioni internazionali è stata sviluppata dal Laboratorio di Geofisica applicata in collaborazione con ricercatori dell’Università di Pisa e di Parigi, in uno dei più importanti siti paleolitici italiani: Valle Giumentina (Abruzzo). La ricerca, ancora in corso, ha la finalità di definire la geometria del deposito paleoliticoe la sua evoluzione morfologica, a tal fine sono stati applicati congiuntamente metodi geoelettrici, microgravimetrici, sismici ed elettromagnetici.
 
E’ stato concluso il progetto triennale finanziato dal Ministero degli Affari Esteri italiano:
“Miglioramento dell'accesso e della gestione delle risorse idriche della popolazione rurale della regione di Iringa, Tanzania", che ha permesso di stabilire relazioni formali con la Ruaha Catholic University (RUCU) di Iringa
 
Nel 2015 sono stati effettuate ricerche minerarie sia per ferro che per piombo e zinco in varie località dell’Anti-Atlante del Marocco e una impegnativa prospezione di sismica a riflessione in Congo Brazzaville. A novembre è iniziato un nuovo progetto con Italferr per le indagini geologiche per la realizzazione di una nuova linea ad alta velocità attraverso il deserto dell’Arabia Saudita.
Sono stati stipulati Accordi quadro con numerosi comuni tra cui La Spezia, Siena e Massa con i quali sono iniziate importanti collaborazioni finalizzate alla difesa del suolo, a indagini sul patrimonio culturale e al monitoraggio delle cave di Marmo.
 
Prosegue la collaborazione con le Regioni Emilia-Romagna, Marche, Toscana e Umbria per la realizzazione di una carta geologica continua a scala 1:10.000 dei loro territori. Il6 Novembre, all'interno dell'iniziativa "Dire e Fare - Governo del Territorio", è stata presentata la versione preliminare della Carta Geologica dell'Italia Centrale a scala 1:250.000 realizzata dal CGT nell’ambito di questo progetto.
I ricercatori del CGT dell'Università di Siena in collaborazione con i colleghi dell'Università di Ferrara e dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare hanno realizzato nuovi test di sincronizzazione di segnali elettromagnetici a bordo del velivolo Radgyro. Per la prima volta sono stati acquisiti dati in diverse regioni dello spettro elettromagnetico (gamma, termico e visibile) in modo simultaneo e sincronizzato. L'analisi dei risultati richiederà parecchi mesi di sviluppo software e aprirà nuove frontiere nell'impiego di questo velivolo.
 
Il 2015 si è concluso con l’ottima notizia dell’approvazione da parte della Commissione Europea del progetto Horizon 2020  denominato Flowered(“de FLuoridationtechnologies for imprOvingquality of WatEr and agRo-animalproductsalong the East African Rift Valley in the context of aDaptation to climate change”)presentato assieme ad un qualificato gruppo di istituzioni di ricerca internazionali. Il progetto, che si svolgerà nei prossimi tre anni è stato presentato e finanziato nell’ambito di Horizon 2020, il  Programma Quadro europeo per la  Ricerca e l’Innovazione per gli anni 2014 – 2020 (Call: H2020 – WATER -2015 – two - stage, Topic: WATER - 5c - 2015,  Type of action: RIA, Proposalnumber: 690378 - 2), per un budget complessivo di Euro 2.989.201,ha come obbiettivo il trattamento e la gestione delle acquee sotterranee ai fini idropotabili in tre  aree test ubicate lungo la Rift Valley africana orientale, in Etiopia, Kenya e Tanzania.
 
 
Riguardo alla formazione la novità maggiore del 2015 è l’attivazione in modalità telematica di una serie di corsi di Formazione Professionale Superiore che si avvalgono della Piattaforma di supporto per la formazione a distanza della Università di Siena. Questa iniziativa mira ad aumentare la fruibilità di Professional Course e Short Course.
Oltre a numerosi Short Course e Professional Course sono offerti in modalità telematica già nell’anno accademico 2015-2016 il Master in Geologia Ambientale e due corsi di laurea del Dipartimento di Economia che si terranno al CGT con replica  telematica delle lezioni tenute a Siena:
 

- Corso di Laurea triennale in Economia e Commercio,
- Corso  di Laurea triennale in Economia e Banca.
 
L’attivazione di questi corsi è stata prevista nella rinnovata convenzione tra Comune di San Giovanni Valdarno, Fondazione Masaccio e Università di Siena sottoscritta il 22 Aprile 2015 e costituiscono la prima ripresa di Corsi di laurea presso il CGT dal 2010.
 
 
Nell’Anno Accademico 2015-2016 sono stati attivati sette master.
Oltre ai Master presenti nell’Anno Accademico 2014-2015:
 
- ENGEO - Engineering Geology
- GTARC - Geotecnologie per l’Archeologia
- MSEPI - Esplorazione e Produzione di Idrocarburi
- MSGA - Geotecnologie Ambientali
Sono stati completamente rinnovati i master REN-ENERGY - Risparmio Energetico Applicato agli Edifici e SITT - Sistemi informativi Territoriali e Telerilevamento, che prendono ora  il nome rispettivamente:  GREEN-TECH - Riqualificazione Energetica degli Edifici e  GEOM – Geomatica.
Un nuovo master MGFA - Geofisica Applicata è stato organizzato con la collaborazione del Prof. P. Gasparini e altri professori dell’Università di Napoli.
 
La formazione continua è costituita da ben 102 corsi (71 Professional Course e 31 Short Course), è stata inoltre introdotta  una nuova tipologia di corsi, i “Corsi di Certificazione e Accreditamento”, che rilasciano delle certificazioni a svolgere particolari attività professionali: I corso di “Certificatore Energetico degli Edifici” e i Corsi di Accreditamento per i “Sistemi a Pilotaggio remoto” (SAPR).
tip7tip7tip7tip7tip7tip7tip7tip7tip7tip7tip7tip7tip7tip7tip7tip7tip7tip7tip7tip7tip7tip7tip7tip7tip7tip7