2012

Il 2012 è caratterizzato dalla strategia del CGT di reagire alla situazione di crisi economica del Paese che ormai prosegue da quattro anni cercando attività all'estero e in particolare nei paesi emergenti dell'Africa e dell'America Latina.

I maggiori eventi del 2012 sono:

  1. lo sviluppo di attività all'estero in collaborazione con importanti società italiane;
  2. il potenziamento delle attrezzature del laboratorio di Geofisica soprattutto nel settore dei log e delle prove pressiometriche in foro;
  3. lo sviluppo delle attività del Polo Tecnologico delle Pietre Toscane;
  4. lo sviluppo delle attività dell'Istituto di Formazione e Ricerca della Federazione Italiana UNESCO;
  5. la collocazione presso il Centro degli Uffici ARPAT Toscana in Valdarno;
  6. lo sviluppo di un grande progetto di ricerche idriche all'Isola d'Elba che ha praticamente assorbito quasi tutte le attività del CGT per tutta la seconda metà dell'anno;
  7. con l'obiettivo di potenziare le attività di consulenza all’estero, sono state intraprese collaborazioni con società con cui il CGT condivide questa strategia;
  8. la stipula di un Accordo quadro con la RCT del Gruppo Trevi e con questa società sono stati intrapresi contatti con:
  • la Colombia, ove sono stati fatti due progetti di geomorfologia applicata e geofisica;
  • il Congo Brazzaville, con cui sono stati stipulati accordi per ricerche minerarie e per la formazione dei quadri del Ministero delle Miniere e della Geologia;
  • il Mozambico, per attività di ricerche minerarie.

Sono stati effettuati importanti investimenti in attrezzature per l’esecuzione di log in foro, sostenuti anche dal progetto di ricerche idriche all'Isola d'Elba. Il Laboratorio di Geofisica diviene uno dei meglio attrezzati in Italia per questo tipo di attività.

Facendo leva anche sul Credito d’imposta 2011 per imprese che finanziano progetti di ricerca in base al DL 70/2011, "Decreto legge sviluppo", sono stati sviluppati nell’ambito del Polo Tecnologico Pietre Toscane progetti di valutazione delle risorse marmifere sotterranee con le maggiori aziende del settore. Il fatturato introitato con questi e altri progetti ha portato il Polo alla possibilità di promozione tra i Poli di fascia superiore con conseguente incremento dei finanziamenti regionali.


Le attività dell'Istituto di Formazione e Ricerca della Federazione Italiana UNESCO sono state sviluppate in varie direzioni. Degno di nota è l'istituzione del Master in Tecnologie Open Source per i beni Culturali, il primo master non universitario del CGT che ha avuto un successo di iscritti superiore alle aspettative.

Su richiesta dell'Assessore all'Ambiente della Regione Toscana il CGT ospita dal 2012 l'Ufficio dell'ARPAT toscana in 

Valdarno. Una convenzione di collaborazione tra CGT e ARPAT è in corso di stipula.

L'evento maggiore del 2012 è senz'altro costituito da un grande progetto finalizzato alla ricerca di risorse idropotabili dell'Isola d'Elba svolto per conto dell’ASA Spa. Il progetto ha comportato ricerche geologiche, geofisiche e idrogeologiche. Il progetto prevedeva anche la realizzazione di 13 pozzi di profondità superiore ai 100 metri che hanno permesso al CGT di fare una notevole esperienza in organizzazione di cantieri di perforazione, assistenza cantieri ed esecuzione di log in pozzo.

L'attività formativa del CGT è completamente orientata alla formazione post laurea e alla formazione professionale superiore.

La difficile situazione economica del Paese e la correlata diminuzione dei vaucher si riflette anche su una flessione delle iscrizioni ai master universitari alcuni dei quali nel 2012 non raggiungono il numero minimo per poter partire. A questa situazione il CGT provvede con l'istituzione di due nuovi master: il Master Unesco in Tecnologie Open Source per i Beni Culturali e il Master Risparmio energetico applicato agli edifici istituito in convenzione e con il contributo finanziario della Soc. PowerOne Spa. Il successo di questi due nuovi master ha consentito di contenere la diminuzione complessiva degli iscritti ai master. Nel 2012 il CGT ha attivato cinque master universitari e un master Unesco:

  • Sistemi informativi Territoriali e Telerilevamento;
  • Geotecnologie Ambientali;
  • Geotecnologie per l'Archeologia;
  • Geofisica Applicata;
  • Risparmio Energetico Applicato agli Edifici;
  • Master Unesco in Tecnologie Open Source per i Beni Culturali.

La formazione professionale prosegue secondo le strutture e con i criteri collaudati negli anni precedenti. Nel 2012 la formazione professionale superiore comprende 55 Professional Course e 54 Short Course. In collaborazione con l'Agenzia formativa dell'Associazione Industriali di Arezzo è stato tenuto il Corso di Istruzione e Formazione Tecnica superiore (I.F.T.S.): Tecnico superiore per i rilevamenti territoriali informatizzati.

Nel Luglio 2012 è stato tenuto al CGT il Corso dell'Erasmus Intensive Programme (IP): IMARA – Integrated Multidisciplinary Approach to flood Risk Analysis.

Nel corso del 2012 l'Istituto FICLU ha organizzato corsi sui temi base dell'UNESCO:

  • "20° Anniversario Memory of the World UNESCO - La Digitalizzazione del Patrimonio Documentario";
  • "Corso di base per i Coordinatori di Club UNESCO";
  • "Corso per Coordinatori/Responsabili e Presidenti di Club e Centri UNESCO".

L'Istituto FICLU, CGT e Fondazione Masaccio hanno inoltre organizzato il primo Master UNESCO in Tecnologie Open Source per i Beni Culturali (Master Open Téchne), rivolto a coloro che operano nel settore culturale, con l'obiettivo di formare professionisti in possesso di competenze trasversali, che, partendo da una solida formazione universitaria tradizionale, siano capaci di sfruttare le opportunità offerte dalle nuove tecnologie e siano in grado di orientarsi, in modo competitivo, nelle evoluzioni del settore.

Durante lo stesso anno accademico l'offerta formativa dell'Istituto ha compreso anche 10 Short Course mutuati dal Master Open Téchne e due Executive Programme: "Il GIS per i Beni Culturali" e il "3D per i Beni Culturali".

Nel 2012 le pubblicazioni del CGT sono state 25, alla fine del 2012 lo staff del CGT era composto da 81 persone. I ricavi nel 2012 da contratti di ricerca e di consulenza ammontano a € 2.557.961, i ricavi complessivi a  € 2.957.765 e i costi totali € 2.927.551.

 

 

tip7tip7tip7tip7tip7tip7tip7tip7tip7tip7tip7tip7tip7tip7tip7tip7