Short Course
Remote Sensing per l'Archeologia(SCRSARC)
Obiettivi e Contenuti

Docente Responsabile : Giovanna Pizziolo
Tutor : Ufficio Coordinamento Attività di Formazione
Inizio Lezioni : 6/4/2009
Fine Lezioni : 17/4/2009

 

Il Telerilevamento, o Remote Sensing è rappresentato da quell'insieme di tecniche, strumenti e mezzi interpretativi che consentono di raccogliere informazioni qualitative e quantitative dalla superficie terrestre e osservate a distanza, grazie a mezzi di ripresa alloggiati su apparati di volo.

Appare chiaro come queste tecniche si prestano perfettamente ad implementare l'indagine archeologica con nuovi strumenti in grado di aiutare la ricerca sia nell'ambito dell'indagine preventiva che nella gestione delle evidenze archeologiche all'interno del contesto territoriale.

Il corso di Remote Sensing per l'archeologia infatti nasce per introdurre il telerilevamento tra le discipline archeologiche come una delle tecniche di indagine non invasiva ed in particolar modo quale strumento di innovazione della ricerca archeologica.

Le moderne tecniche di analisi infatti (interferometria SAR, analisi spettrale, alta risoluzione spaziale, etc.) rappresentano un metodo pratico e sistematico di mantenere ed aggiornare le informazioni sull'ambiente che ci circonda ed in particolar modo nel settore dell'archeologia, consentono di effettuare indagini e ricerche attraverso i dati telerilevati.


Il Corso di Remote Sensing per l'Archeologia fornisce una preparazione avanzata sui metodi e sistemi di telerilevamento.

Consente di acquisire pratica ed autonomia nell'impiego delle immagini telerilevate e soprattutto nelle applicazione di queste discipline alla soluzione di problematiche archeologiche, alla prospezione e valutazione delle evidenze archeologiche e alla pianificazione territoriale.

In particolare, il contenuto del corso prevede la trattazione dei seguenti argomenti:

2. esercitazioni pratiche e casi studio

- Criteri e metodi di interpretazione e classificazione della copertura del suolo.

- Creazione di una banca dati spaziole della classificazione del suolo.
- Criteri e metodi di analisi multitemporale.
- Metodi di confronto su dataset raster e vettoriali e rappresentazione dei risultati.
- Analisi multitemporale per l’identificazione di stato, dinamica e trend futuri di fenomeni osservati su dati satellitari

- Casi di Studio:

- Il telerilevamento sul sito di Ain Hofra nell'antica Cirene

- Ricostruzione paleomorfologica e circolazione della Selce sul Gargano.