Professional Course
Metodi di prospezione geofisica per l’archeologia(MTGF/PROF)
Obiettivi e Contenuti

Docente Responsabile : Marta Caterina Bottacchi
Tutor : Ufficio Coordinamento Attività di Formazione
Inizio Lezioni : 21/6/2016
Fine Lezioni : 24/6/2016

 

Le indagini geofisiche, in quanto metodologie non invasive da utilizzare in ambito archeologico, hanno acquisito importanza in ambito nazionale a seguito dell’introduzione del decreto legislativo 163/2006 che prevede l’utilizzo di “indagini archeologiche e geologiche preliminari” all’intervento di scavo per la realizzazione di opere pubbliche, con il fine di verificare la possibile presenza di evidenze di interesse archeologico.

 

Le prospezioni geofisiche, attraverso diversi metodi, consentono una ricognizione del sottosuolo di una determinata area, mediante la misura, effettuata dalla superficie terrestre, di alcune grandezze fisiche. Dalle variazioni spaziali e temporali di queste grandezze si può ricostruire la natura, le dimensioni e la profondità degli elementi antropici sepolti.

Dopo una parte introduttiva sui principi fisici alla base dei principali metodi geofisici utilizzati in ambito archeologico, il corso sarà incentrato sull’acquisizione delle misure in un sito archeologico e all’elaborazione delle stesse nei laboratori informatici del CGT, con particolare attenzione al metodo della resistività elettrica.