Biorisanamento di siti ed ecosistemi contaminati (20-21)

Il corso fornisce le conoscenze in merito alle tecniche utilizzate per il biorisanamento in situ ed ex situ di terreni contaminati. Vengono richiamati i meccanismi chiave che controllano il processo biologico, i percorsi di trasformazione e i prodotti dei processi di biodegradazione. Vengono illustrate metodiche innovative per il biorisanamento e ripristino funzionale di aree industriali, agricole e forestali contaminate.

Ampio risalto viene dato a tecnologie di biorisanamento di acque, superficiali e di falda, al trattamento in situ di sedimenti marini e lacustri e alla riqualificazione di corsi d’acqua, bacini ed ecosistemi acquatici degradati. Viene quindi affrontato il tema del trattamento aerobico ed anaerobico delle matrici organiche di origine urbana, zootecnica e agroalimentare. Infine un ampio cenno alle tecnologie innovative per il miglioramento della qualità dell’aria.


Il corso è erogato in teledidattica sincrona attraverso la piattaforma Google Meet; il corso sarà anche registrato e fruibile in modalità teledidattica asincrona dopo la fine delle lezioni.

Per ulteriori informazioni contatta l’Ufficio Coordinamento delle Attività Formative (055.9119449 – formazione-cgt@unisi.it).

Gli Obbiettivi

Il corso ha come obiettivo la trattazione di metodologie di ripristino ambientale dei siti inquinati. Saranno trattati cenni di microbiologia del suolo e delle acque superficiali e sotterranee, i principi generali della bioremediation, la classificazione e la fisiologia microbica per l'ambiente aerobico ed anaerobico, i percorsi di trasformazione e i prodotti dei processi di biodegradazione.

I Destinatari

Il Corso si rivolge a neolaureati in discipline scientifiche e tecnologiche finalizzate alla gestione del Territorio e dell’Ambiente, a tecnici appartenenti a società di ingegneria ed a professionisti che operano nell'ambito della progettazione e realizzazione di bonifiche di siti inquinati, a tecnici che operano in laboratori chimici e biologici, a tecnici che operano nelle Amministrazioni Pubbliche e negli Enti di Controllo e si occupano delle problematiche della contaminazione delle matrici ambientali.

Gli sbocchi professionali