CGT Timeline

Da una vetreria abbandonata ad un moderno centro di ricerca: la storia del CGT.

Gli inizi: 2002 – 2005

Il 19 Luglio 2002 l’Università degli Studi di Siena e il Comune di San Giovanni Valdarno sottoscrivono la “Convenzione per la realizzazione della Sede Universitaria del Valdarno” che prevede l’istituzione di un centro di ricerca e di formazione professionale superiore denominato “Centro di GeoTecnologie – CGT”Come sede del CGT è previsto un campus universitario da ricavare in una area industriale dismessa: la vetreria Ve.Cris (Vetrerie Cristallerie Sangiovannesi), abbandonata dagli anni 60’. L’edificio centrale è un rudere, come la struttura che ospiterà gli alloggi per gli studenti.

Vista dall’alto del CGT nel 2002.

 

L’interno del CGT nel 2002.

 

Nell’Ottobre del 2002 iniziarono le attività formative con il Corso di Laurea in Geotecnologie e i moduli professionalizzanti regionali in “Sistemi Informativi Geografici e Cartografia Tematica” e in “Telerilevamento e Fotogrammetria Digitale per il Monitoraggio ambientale”. Le lezioni si tengono nella palazzina della Scuola professionale “Competenze Imprese e Vetro” che è il solo edificio ultimato nell’angolo SE del Campus e alcune lezioni nella Biblioteca comunale di Palazzo Corboli.

Nel 2003 sono terminati tutti gli appartamenti del Campus ed è finito il piano terra dell’Edificio centrale. Nell’autunno è attivato un secondo corso di laurea: il Corso di Laurea specialistico in Geologia Applicata. E’ un corso di laurea biennale di secondo livello che conferisce specializzazioni nei settori della geoinformatica, geologia ambientale, geologia tecnica, idrogeologia e geofisica. Si aggiungono il Master in Sistemi Informativi Territoriali e Telerilevamento (SITT) e il Corso professionale in Geotecnologie per la Gestione delle Risorse Idriche.

Nel 2004 sono ultimati la maggior parte dei lavori e nel mese di Aprile ha luogo l’inaugurazione del CGT.

Nell’estate del 2004 tutto lo staff del CGT si trasferisce dal Dipartimento di Scienze della Terra di Siena nella nuova sede di San Giovanni Valdarno. Il Centro assume rapidamente la struttura attuale. A partire dall’Ottobre 2004 il Collegio funziona a pieno regime.

Nel Settembre 2004 il CGT stipula una convenzione con la Società Geologica Italiana per il recupero, conservazione e gestione di tutto il materiale bibliografico della Società. Circa settantamila fascicoli di oltre sessanta paesi, carte, monografie ecc., un patrimonio bibliografico veramente imponente che richiederà due anni di lavoro per essere classificato e sistemato in modo adeguato. Il catalogo della biblioteca e i PDF di tutti i Bollettini e Memorie della Società sono messi a disposizione della comunità geologica. Nasce così il Centro di Documentazione della Società Geologica Italiana.

Le attività formative istituzionali si arricchiscono di un nuovo master. Nell’a.a. 2004-2005 le attività formative istituzionali, oltre alle sezioni di Geotecnologie in due scuole di dottorato, comprendono:

  • Master in Sistemi Informativi Territoriali e Telerilevamento (SITT)
  • Master in GeoTecnologie Ambientali (MSGA)
  • Corso di Laurea specialistica in Geologia Applicata
  • Corso di laurea il GeoTecnologie

Viene istituito, a latere del Corso in Geotecnologie il cosiddetto “Corso Serale“. Un percorso formativo parallelo alla laurea in Geotecnologie che si svolge prevalentemente il sabato e la domenica. Questo corso ha permesso a una decina di studenti lavoratori di laurearsi. Alcuni di questi hanno proseguito il proprio percorso di studi iscrivendosi anche alla laurea magistrale.

Nel 2005 i laboratori del CGT arrivano a sette. Il CGT, coadiuvato dalla Compagnia SQS – Associazione Svizzera per Sistemi di Qualità e di Management, inizia la procedura di Certificazione di qualità ISO 9001:2000, mirando a un miglioramento decisivo del funzionamento della struttura e soprattutto della sua organizzazione.

In collaborazione con il Dipartimento di Archeologia e Preistoria dell’Università di Siena, è incrementata l’offerta formativa istituzionale con un nuovo Master di secondo livello in Geotecnologie per l’Archeologia (GTARC).

 

Consolidamento: 2006-2009

Nell’a.a. 2005-2006 si ha la consolidazione del Corso di Laurea in Geotecnologie che supera i 130 iscritti. Il 2006, oltre che il consolidamento delle attività formative istituzionali, segna il definitivo ingresso del Centro nella formazione post laurea, nella formazione professionale e nella formazione continua, che rappresentare in prospettiva un campo di sviluppo di grande interesse, testimoniata dalle numerose iscrizioni a Master, Corsi di perfezionamento e Summer School.

Il CGT ottiene la Certificazione di qualità ISO 9001:2000. In questo ambito ristruttura la sua organizzazione e applica ai suoi progetti di ricerca e di consulenza un sistema di contabilità analitica con un SW appositamente progettato.

Il Centro amplia ulteriormente la sua attività di ricerca e consulenza con l’istituzione di un nuovo laboratorio, il Laboratorio di Geotecnologie per l’archeologia che prende l’avvio dal Master in GeoTecnologie per l’archeologia.

Nell’a.a. 2007/08 la Luaurea Specialistica in Geologia Applicata conta 69 iscritti che ne fanno la laurea di secondo livello della Facoltà di Scienze di Siena con il maggior numero di iscritti. La grande attrazione esercitata da questi corsi di laurea è testimoniata dal fatto che circa la metà degli iscritti provengono da fuori della Regione Toscana e solo il 25% dalla Provincia di Arezzo. Dopo solo cinque anni dalla sua costituzione il CGT vanta due corsi di laurea in Scienze della Terra tra i più frequentati di Italia.

Nonostante la laurea in Geotecnologie che solo dopo solo sei anni di attività, sia una delle più frequentate d’Italia nel settore delle Scienze della Terra, la Facoltà degli Studi di Siena decide di chiuderla a partire dall’a.a. 2008/09.

Con grande sforzo organizzativo nel 2008 è ristrutturata l’offerta formativa del Centro il quale mira adesso a:

  • potenziare la formazione istituzionale superiore (Laurea specialistica e Master) attraverso una ristrutturazione della laurea di secondo livello e un’efficace azione di orientamento in tutta Italia;
  • sviluppare ulteriormente, in collaborazione con la Fondazione Masaccio, la formazione professionale superiore e la formazione continua per professionisti e quadri aziendali e delle pubbliche amministrazioni attraverso il potenziamento delle relazioni con ordini, enti e imprese.

L’attività di Ricerca e di Consulenza scientifica costituisce sempre più chiaramente l’elemento fondamentale per:

  • garantire il finanziamento delle attività formative e di ricerca del Centro e il suo funzionamento;
  • assicurare un continuo scambio tra le attività di ricerca e di formazione con il mondo del lavoro e delle professioni.

I dati delle iscrizioni per l’a.a. 2009/2010 collocano la laurea di secondo livello come numero di matricole al primo posto della Facoltà di Scienze di Siena e al secondo posto a livello nazionale.

Nel 2009 il CGT punta a un ulteriore sviluppo della formazione professionale e della formazione continua. I Professonal Course e gli Short Course, riconosciuti dal Consiglio Nazionale dell’ordine dei Geologi, costituiscono il più diffuso sistema di formazione continua di questo ordine professionale. Vengono organizzati corsi che conferiscono formazione e crediti APC negli ambiti della Geologia Ambientale, Sistemi Informativi Territoriali, Telerilevamento e Fotogrammetria, Idrogeologia Ambientale, Geologia Tecnica e Geoingegneria, Geofisica applicata e Geotecnologie per l’Archeologia.

Dal 25 al 27 Febbraio si tiene al CGT il  3° Congresso Nazionale A.I.G.A. – Associazione Italiana Geologia Applicata e Ambientale con più di 300 partecipanti e molti stand di aziende e società di consulenza.

Alla fine del 2009 lavorano al CGT 60 persone che comprendono 50 giovani ricercatori e tecnici esperti nelle più recenti tecnologie per il monitoraggio e la tutela dell’ambiente e su una decina di geologi senior con competenze scientifiche e professionali di alto livello in vari settori della Geologia applicata.

Sviluppo: 2010-Oggi

Il 2010 segna il maggior cambiamento di strategie di sviluppo del CGT dalla sua fondazione. La decisione della Facoltà di Scienze di chiudere le attività formative universitarie del CGT iniziata nel 2008 con la chiusura della laurea di primo livello in Geotecnologie, arriva a compimento nel 2010 con la chiusura anche della laurea di secondo livello in Geologia Applicata, sebbene nell’A.A. 2100/11 abbia 54 matricole.

Inevitabilmente l’obiettivo principale del CGT si sposta dalle lauree di primo e di secondo livello alle attività di ricerca, di consulenza scientifica, di trasferimento tecnologico alle imprese e alla formazione post laurea che fino al 2010 sono stati obiettivi importanti, ma subordinati rispetto ai corsi di laurea. A partire dal 2011 la formazione post laurea sarà l’unica attività formativa del CGT.

La maturità raggiunta in molti settori di ricerca e l’importante attrezzatura dei suoi laboratori permette al CGT di convertire rapidamente le sue attività verso lo sviluppo dell’innovazione e il trasferimento tecnologico alle imprese.

Il CGT collabora alla valorizzazione dell’Incubatore di Imprese di Cavriglia, realizzato dalla Regione Toscana e dal comune di Cavriglia nella zona Industriale di Bomba, in collaborazione con Provincia e la Camera  di Commercio di Arezzo. L’Incubatore comprende 2.000 m² di immobili localizzati nell’Area Industriale di Bomba ed è mirato allo sviluppo economico, occupazionale e sociale nel territorio del Valdarno attraverso il sostegno alla nascita di  imprese innovative. Per questo scopo l’incubatore, oltre che infrastruttura logistica, vuole essere un catalizzatore di servizi e attività.

L’evento maggiore del 2010 è la costituzione di una s.r.l., il “CGT SpinOff s.r.l.” costituito da una quindicina di ricercatori del CGTcon l’obiettivo di commercializzare i risultati delle ricerche del Centro e favorirne il trasferimento al mondo produttivo.

L’offerta formativa professionale del CGT ha il patrocinio degli ordini dei Geologi di tutte le regioni di Italia, tutti i corsi del CGT sono valutati in termini di crediti APC dall’Ordine Professionale dei Geologi che provvede anche a promuovere l’attività formativa del CGT attraverso il periodico del Consiglio Nazionale dei Geologi.

Il 2011 è caratterizzato dal rafforzamento delle relazioni del CGT con la realtà economica e industriale locale e regionale e con il progressivo sviluppo delle relazioni culturali e formative internazionali.

In particolare:
  • la costituzione del Polo Tecnologico Pietre Toscane;
  • la istituzione presso il CGT dell’Istituto di Formazione e Ricerca della Federazione Italiana UNESCO;
  • lo sviluppo delle attività del CGT presso l’Incubatore di imprese di Cavriglia;
  • il consolidamento del CGT SpinOff srl e la preicubazione di una nuova società spin off;
  • la Costituzione presso il CGT della Associazione delle Società di Geofisica (ASG).

I maggiori eventi del 2012 sono:

  • lo sviluppo di attività all’estero in collaborazione con importanti società italiane;
  • il potenziamento delle attrezzature del laboratorio di Geofisica soprattutto nel settore dei log e delle prove pressiometriche in foro;
  • lo sviluppo delle attività del Polo Tecnologico delle Pietre Toscane;
  • lo sviluppo delle attività dell’Istituto di Formazione e Ricerca della Federazione Italiana UNESCO;
  • la collocazione presso il Centro degli Uffici ARPAT Toscana in Valdarno;
  • lo sviluppo di un grande progetto di ricerche idriche all’Isola d’Elba che ha praticamente assorbito quasi tutte le attività del CGT per tutta la seconda metà dell’anno;
  • con l’obiettivo di potenziare le attività di consulenza all’estero, sono state intraprese collaborazioni con società con cui il CGT condivide questa strategia;
  • la stipula di un Accordo quadro con la RCT del Gruppo Trevi e con questa società sono stati intrapresi contatti con la Colombia, ove sono stati fatti due progetti di geomorfologia applicata e geofisica, il Congo Brazzaville, con cui sono stati stipulati accordi per ricerche minerarie e per la formazione dei quadri del Ministero delle Miniere e della Geologia, il Mozambico, per attività di ricerche minerarie.

Alla fine del 2012 lo staff del CGT era composto da 81 persone.

Nel 2013 prosegue lo sforzo di internazionalizzazione del CGT con lo sviluppo, in collaborazione con importanti imprese pubbliche e private, di  progetti in Arabia, sud-America e Africa. Questo anno è caratterizzato soprattutto dal forte ampliamento dei laboratori del CGT nell’Incubatore d’imprese di Cavriglia, dalla costituzione di una nuova società Spin Off e da ricerche e progetti finalizzati a inserire il CGT nel settore dei rilievi airbone.

Per la realizzazione dei nuovi laboratori e l’ampliamento di quelli esistenti è stato acquisito dal CGT e dai suoi Spin Off universitari uno spazio coperto complessivo di 1.200 mq divisi in sei ambienti dotati di impianti industriali e di tutte le certificazioni di sicurezza.  Gli uffici dei laboratori saranno ospitati nel Centro Servizi antistante all’incubatore.

Al CGT Spinoff istituito nel 2010 si aggiunge alla fine del 2013 la società GeoExplorer s.r.l., che nasce come Start-up accademica dell’Università di Siena con la qualifica di Impresa Sociale. Partecipano alla società ricercatori del Centro di GeoTecnologie, del Laboratorio di Tecnologie Nucleari per l’Ambiente del Dipartimento di Fisica dell’Università di Ferrara e professionisti attivi nel settore airborne. GeoExplorer mette in campo competenze in geofisica, idrogeologia e Geologia nucleare, proponendosi di fornire una vasta gamma di servizi tra cui anche strumenti d’indagine airborne. La società intende inoltre valorizzare il brevetto “Dispositivo attivo MCA stand-alone per la digitalizzazione di segnali di spettroscopia gamma outdoor” di cui l’Università di Siena è co-titolare assieme all’Università di Ferrara e al personale di INFN (Istituto Nazionale di Fisica Nucleare – LNL).

Negli anni successivi è portato a termine il potenziamento del laboratori del CGT nell’Incubatore di Imprese della Zona industriale di Bomba, la struttura e la capacità operativa del CGT si rafforzano con la costituzione di due consorzi tra i suoi Spin-Off e importanti società di geofisica, di perforazioni e fondazioni speciali. Si costituisce una associazione di imprese spin-off del CGT, il “CGT GROUP”. La Rete di Imprese, che ha sede presso l’Incubatore Regionale di Imprese di Cavriglia,  costituisce oggi la maggiore concentrazione di società italiane che opera nel settore delle Applicazioni della Geologia e lo Studio del Territorio, dell’Ambiente e delle sue risorse. Il coordinamento delle attività svolte dalle Imprese e dai Consorzi e le relazioni stabilite con strutture universitarie e enti di ricerca riuniscono nella Rete risorse capaci di svolgere attività complesse ed interdisciplinari in Italia e nel mondo, in un settore con importanti prospettive di sviluppo, in cui, specialmente a livello internazionale, l’Italia era poco presente.

Sono portate avanti le sperimentazioni di rilevamento airborne con il velivolo leggero costruito in collaborazione con le Carpenterie Pagotto e l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (“RadGyro”). Per lo sviluppo di queste attività è costituito, in collaborazione con i ricercatori dell’Università di Ferrara e dell’INFN, il Joint Laboratory for Airborne Researches con l’obiettivo di sviluppare ricerche nel settore dei rilevamenti geologico – ambientali airborne e potenziare la strumentazione del CGT e dei suoi Spin-Off in questo settore.

Negli anni successivi le attività del CGT all’estero si ampliano, partecipando attivamente a progetti europei H2020.

Riguardo alla formazione le più recenti novità riguardano l’attivazione in modalità telematica di una serie di corsi di Formazione Professionale Superiore che si avvalgono della Piattaforma di supporto per la formazione a distanza della Università di Siena. Questa iniziativa mira ad aumentare la fruibilità di Professional Course e Short Course.

La formazione post laurea continua, con l’attivazione di master universitari nei campi del GIS/telerilevamento, geofisica, geoarcheologia, geologia ambientale, geologia del petrolio, geotecnica, geoingegneria e meccanica delle rocce.